Ai confini di Dio by Fausto Alberto Marinetti

Ai confini di Dio

By Fausto Alberto Marinetti

  • Release Date: 2017-06-23
  • Genre: Cristianesimo
Download Now
The file download will begin after you complete the registration. Downloader's Terms of Service | DMCA

Description

Ai confini di Dio: lettere tra monache e meninos de rua.
Cosa c'è di più lontano e di più vicino di un monastero di clausura e una vita sulla croce della strada?
Queste lettere ci raccontano l'incontro tra le monache di clausura e la vita di strada di bambini nel Maranaho, Brasile, anni 90, al calvario del mondo.
Ai confini di Dio fu pubblicato da Morcelliana, ora è fuori catalogo, così ho chiesto a Fausto, mio zio, di poterlo editare in self publish e pubblicare in formato ebook, per non perdere questo patrimonio di umanità.
Non credo ci sia migliore presentazione di questa lettera di Fausto ad una clarissa in monastero, dall'inferno della vita alla pace della preghiera:
Carissima,
scrivo per pagare un debito verso gli amici. Bisogna buttare nella spazzatura le false umiltà: è un dovere mettere in comune le «ricchezze» interiori. Perché noi non ci apparteniamo. Se uno ha un cerino non può tenerlo per sé, ma deve accenderlo sulla piazza del mondo, dove c'è tanto buio.
Cosa ho a che fare io, così sprofondato nelle problematiche sociali, con le contemplative? Mi pare di vivere seduto su un vulcano. E i monasteri, invece, sembrano oasi di pace. Perché turbarli, far irrompere i poveri cristi nei corridoi gonfi di arcano? Procedo nella bruma. O forse ricerco, tra le righe della storia, «la comunione dei santi»? Nel corpo mistico di Cristo ci deve essere una specie di legge della compensazione: uno ha il carisma di buttarsi nel sociale, l'altro quello di scandagliare il mistero. Tutti e due sono necessari e bisogna trovare il modo di far rifluire le scoperte dell'uno nelle vene dell'altro. Per esempio: io sono uno che somatizzo il dolore degli altri. Come faccio a sopravvivere se non ho qualcuno che mi fa compagnia con la sua tenerezza? Oppure il desiderio di comunicare con le contemplative deriva dal sapervi più vicine al centro della storia, all'asse portante della vita? Ed allora siete in grado di capirmi meglio, perché Dio vi ha reso capaci di intendere il suo linguaggio, quello dei poveri.
Non puoi immaginare cosa producano in me parole come le tue: «Io ho il lusso di stare faccia a faccia con Dio, nella fede. Ma questo apre in me un abisso senza fondo. E chi credi che scenda in questo abisso del cuore, chi credi che lo venga ad abitare? Per chi credi che si apra un cuore di carne dopo che è stato faccia a faccia con Dio? Fausto: Dio apre il nostro cuore nella preghiera, perché lasciamo entrare l'uomo, al cui servizio tu ti dedichi. Non un uomo astratto. Non un'umanità senza nome, ma degli uomini come te che hanno l'ardire di comunicare, di ferire, di gridare, di farsi carico delle moltitudini.
A che serve la contemplazione se non a farci inginocchiare davanti all'uomo?».
A volte non so più cosa inventare per fare breccia nel cuore dell'uomo. Ecco perché insisto nel dire che voi siete donne: avete l'istinto della vita, l'attaccamento ad essa in una forma materna, che è unica. Solo voi avete un grembo! Non ce l'hanno né i capi di Stato, né papi, né preti. Lo volete capire? Ed allora certe sensazioni per la vita in pericolo sul pianeta potete sperimentarle solo voi.
Se uno ama sul serio non ce la fa a contenere lo Spirito. Prendiamo Gesù di Nazaret: deve aver accumulato tanta passione per l'uomo, che, alla fine, ha affrontato tutto, anche la croce, pur di buttare fuori quello che aveva dentro. Deve essere passato attraverso un martirio interiore nei giorni dell'attesa. Essere fedele alle stagioni del Padre; calarsi nel tempo degli uomini; crescere piano piano; educarsi alla pazienza della storia. Qualche cosa del genere sta capitando a me. Fremo dalla voglia di comunicare quanto Dio ci [...]

keyboard_arrow_up