Goodbye Mamma. Idee, consigli, esparienze di chi ha deciso di lasciare l'Italia by Giulio Sovran, Bove, D'Amato, De Nicola, Di Castro, Falcitelli, Fisichella, Gallerani, Gandini, Garbolino, Giovanardi, Guglielmino, Pilato, Romano, Sacchetti, Tizzano & Vallese

Goodbye Mamma. Idee, consigli, esparienze di chi ha deciso di lasciare l'Italia

By Giulio Sovran, Bove, D'Amato, De Nicola, Di Castro, Falcitelli, Fisichella, Gallerani, Gandini, Garbolino, Giovanardi, Guglielmino, Pilato, Romano, Sacchetti, Tizzano & Vallese

  • Release Date: 2013-04-04
  • Genre: Riferimento
Download Now
The file download will begin after you complete the registration. Downloader's Terms of Service | DMCA

Description

Cosa? Goodbye Mamma è un raccolta ragionata e sistematica dell’esperienza di un centinaio di individui (perlopiù giovani fra i 15 e i 35 anni), che hanno lasciato l’Italia per periodi che variano, a seconda dei casi, da una settimana a tutta la vita. L’opera si prefigura come un mix fra un “manuale pratico” ricco di consigli e metodi utili a chi stia pianificando un’esperienza all’estero, un saggio di indagine sul fenomeno, attualissimo, della fuga di molti giovani italiani, e una raccolta di brevi biografie curiose ed esemplificative, di italiani in fuga. Il rischio rappresentato dalla mescolanza di generi così diversi è compensato, crediamo, dall’effetto benefico che ogni genere esercita sull’altro: così le biografie rendono meno pedante la parte manualistica, quest’ultima rende più concreta la parte saggistica che a sua volta fornisce un quadro teorico ragionevole al tutto. Così le biografie rendono la parte manualistica più divertente ed entusiasmante, quest’ultima rende più concreta la parte saggistica che a sua volta fornisce un quadro teorico ragionevole al tutto.

Perché? Obiettivi dell’opera sono: 1. inquadrare il tema dell’odierna emigrazione italiana, abbozzando sia il quadro socio-economico che funge da motore dell’emigrazione, sia i risvolti psicologici cui gli emigranti vanno incontro; 2. fornire uno strumento pratico di consultazione per chiunque voglia fare (o spingere un figlio) un’esperienza di studio o di lavoro all’estero, superando gli ostacoli più comuni e schivando gli errori più frequenti; 3. dilettare e soddisfare il lettore attraverso numerose storie di italiani all’estero che ce l’hanno fatta, o ci stanno provando, sono felici o decisi a tornare perché insoddisfatti.
Il libro intende dare voce polifona a un’intera generazione accomunata non tanto, dall’età anagrafica, quanto soprattutto dalla presa di coscienza di una necessità di svolta, personale, identitaria e ormai improcrastinabile, che ha investito gli italiani negli ultimi quindici anni, spingendoli a cercare, ancora una volta lontano dal paese natio, un futuro più equo, più aperto, più stimolante, meno rassegnato, meno corporativo e meno cinico.

keyboard_arrow_up